Seleziona una pagina

Moza R16: test e recensione

Sim Racer

Pilota di E-sport e appassionato di Sim Racing, ho deciso di condividere la mia passione su questo sito.

Moza R16

Vantaggi

  • Motore a trasmissione diretta che sviluppa una coppia di 16 nm
  • Opzione di montaggio frontale
  • Eccellente compatibilità con l’ecosistema Moza Racing

Svantaggi

  • Quasi nessun
  • Alcune ruote Moza non sono compatibili con questa base.

Il nostro voto: 9.6/10

Produttore cinese di periferiche per il sim-racing Moza Racing intende chiaramente competere con i grandi nomi del gioco, in particolare con Fanatec e Simagic. Nel giro di due anni e mezzo, Moza si è fatta un nome ed è diventata un’opzione eccellente per i corridori che cercano prodotti affidabili, performanti e convenienti.

Ovviamente, un produttore di periferiche per il sim-racing non farà molta strada se non ha un catalogo degno di questo nome. E fortunatamente per Moza Racing, questo è il caso. La gamma di questo produttore cinese comprende 6 basi Direct Drive, tra cui una compatibile con Xbox, 6 volanti, 3 pedali, 2 cruscotti e diversi accessori per il sim-racing. Beh, devo ammettere che impallidisce rispetto a Fanatec e ai suoi 20 volantini, ma è comunque impressionante per un giocatore che è nel gioco da soli due anni e mezzo.

E ciò che rafforza l’immagine di Moza Racing è la sua presenza nel segmento top di gamma, con 2 basi per la precisione. Questo è il R16 e il R21e questi ultimi due hanno diversi obiettivi nel mirino, tra cui il Podium DD2 e ClubSport DD+ di Fanatec. Di seguito vi presenterò l’R16 e vi darò la mia opinione in merito.

 

Caratteristiche principali e tecniche della base

  • Base DD con coppia massima di 16 nm
  • Frequenza di aggiornamento di 1000 Hz
  • Costruzione in lega di alluminio
  • Interfaccia a 18 bit
  • Collegamento wireless e fisico con i volanti tramite un QR ampiamente ispirato alle corse automobilistiche
  • Pesa 8,9 kg

 

Design

Sappiamo tutti che le basi Moza Racing sono molto simili, soprattutto quelle più piccole (R3, R5, R9 e R12). Per quanto riguarda l’R16, la storia è completamente diversa. Questa base assomiglia molto al design di una Supercar, con caratteristiche molto spigolose e linee disegnate, e verniciature diverse a seconda della versione in possesso.

Moza ha aggiornato i suoi modelli di base e l’R16 è stato portato alla versione V2, con un corpo completamente nero e un logo bianco. È davvero bello e rappresenta un piacevole cambiamento rispetto alla forma a X tipica delle altre periferiche del marchio.

GT DD PRO

Assemblaggio personalizzato

Per l’R16, Moza ha fatto tutto il possibile per quanto riguarda l’assemblaggio della base. Abbiamo un attacco inferiore, come per la R21 e la R16 nella V1, ma la nuova base consente questa volta un attacco anteriore, perfetto per molti motociclisti. Non mi spingerei a dire che l’attacco inferiore limita questa base a un pubblico di motociclisti con una configurazione molto specifica. Ma fortunatamente il produttore cinese ha corretto la situazione con la sua V2, e questa è una cosa molto buona.

Praticamente tutti i volanti del marchio possono essere montati su questa base (tranne i V1 Bluetooth), con connessione sia wireless che fisica alle periferiche. Come ho detto a proposito delle altre basi di Moza Racing, il produttore sta segmentando la sua gamma, soprattutto per quanto riguarda i volanti, e lo vediamo chiaramente con l’R16, che non supporta tutte le ruote del marchio. Personalmente non mi piace, perché divide i fan in quelli che possono permettersi i prodotti di alta gamma e i nuovi modelli e quelli che non possono permetterseli.

 

Fabbricazione e finitura

Dato che la R16 è un modello top di gamma, insieme alla R21, abbiamo a disposizione una struttura in lega di alluminio ultraresistente, che non solo garantisce una grande rigidità ma anche un controllo totale della temperatura del motore e dell’elettronica.

Per quanto riguarda il finale, è semplicemente eccezionale, niente da dire al riguardo. Tutte le parti sono lavorate alla perfezione, con l’assemblaggio più rigoroso. Non ci sono parti sporgenti o mal assemblate. È una base perfetta, sotto ogni punto di vista.

Per quanto riguarda la verniciatura, sulla V2 abbiamo un nero lucido, con alcune linee gialle/verdi. È bellissimo e rappresenta un bel cambiamento rispetto alle parti arancioni della V1. Ma si tratta di preferenze personali, quindi…

 

Come affrontare la base

Un motore che eroga 16 nm di coppia è grande e pesante. L’R16 pesa poco meno di 9 kg ed è piuttosto compatto, il che lo rende leggermente scomodo da maneggiare e installare. Se lo assemblate dal basso, non avrete problemi. Ma se optate per il montaggio frontale su un telaio, vi consiglio di ricorrere a un paio di mani in più per eseguire questa operazione, perché la base è costosa, e ci tornerò più avanti.

GT DD PRO

Sensazioni durante il gioco

Passiamo alle sensazioni che vi darà la base Moza Racing R16. È bene sapere che questa base è attualmente alla versione 2 (V2), con miglioramenti solo al software e non all’hardware, dato che quest’ultimo era piuttosto buono.

Cosa offre questo nuovo software? Nominato Feedback di forza NextGen 2.0Si otterrà una sensazione molto più dettagliata e, soprattutto, sottile. Passerò rapidamente in rassegna il feedback di potenza del motore prima di passare ai dettagli del nuovo software.

Per quanto riguarda il ritorno di forza “standard”, il motore è molto preciso e non soffre di cali di tensione o di disturbi quando lo si usa in una gara di simulazione, anche quando lo si spinge al limite. Certo, non sarà allo stesso livello di un R21 o di un Podium DD2, ma l’R16 non è poi così lontano, almeno in termini di sensazioni. Il motore eroga la sua coppia in modo lineare, con qualche scatto di tanto in tanto quando si colpisce un vibratore o una superficie dura. In effetti, era l’unico punto grigio di questa base, che è stato corretto con la R16 V2.

Ora torniamo al Feedback di forza NextGen 2.0. Prima di tutto, non ho avvertito alcuno scatto durante le mie sessioni, il che significa che questo piccolo problema è stato risolto. In termini di sensazioni, sono felice di dire che l’R16 è molto più coinvolgente di prima. L’esempio più evidente è la sensazione che si prova in curva al limite dell’aderenza. Si sentiranno delle piccole vibrazioni sul volante, che indicano che se si spinge di più l’auto, si rischia il sottosterzo e/o la perdita di controllo. E questo non c’era con la V1, che semplicemente adoro.

 

Compatibilità

L’R16 è compatibile solo con la piattaforma PC, così come praticamente tutte le basi Moza Racing, ad eccezione della piccola R3. Per quanto riguarda le altre periferiche del marchio, praticamente tutti i volanti Moza saranno supportati da questa base, ad eccezione di ES, CS V1 e GS V1, così come R12 e R9. È una segmentazione che non mi piace molto, ma ho sentito dire che è una questione di hardware. Quindi…

E per quanto riguarda i titoli di simulazione di corsa, ci sono ACC, AC, iRacing, Forza Motorsport, F1, Sporco e l’elenco continua. L’elenco è piuttosto lungo e completo.

GT DD PRO

Rapporto qualità/prezzo

La base ha un prezzo di 870 euro presso il distributore autorizzato Moza Racing in Francia, un prezzo imbattibile per quello che si ottiene. I 16 nm di coppia massima sono più che sufficienti per quasi il 90% dei ciclisti e la qualità costruttiva è semplicemente esemplare, con un design piuttosto unico. Per quanto mi riguarda, l’R16 offre un eccellente rapporto qualità-prezzo.

È vero che l’ecosistema Moza Racing non è così sviluppato e completo come quello di Fanatec, ad esempio, ma troverete tutto ciò di cui avete bisogno per correre con la R16.

 

Il mio verdetto

Se cercate un eccellente motore di base a trasmissione diretta con oltre 10 nm di coppia, potete rivolgervi senza esitazione all’R16. Naturalmente, avrete 16 nm di coppia massima, ma questa può essere facilmente ridotta con il software (Pit House) per ottenere la cifra più adatta a voi.

Questa base è semplicemente un pozzo di sensazioni di simulazione di corse, dalle più raffinate alle più grandi, compresa l’immersione più avanzata. Inoltre, non c’è molta concorrenza a questo livello di potenza o a questo prezzo. L’unica base che può metterla in ombra è la ClubSport DD+ con i suoi 15 nm di coppia, ma è più costoso (1.000 euro).

Comunque sia, la R16 di Moza Racing ha il mio timbro di approvazione.

gt dd pro

Moza R16

Un’eccellente base a 16 nm

Notez cet article

Ti potrebbe interessare anche…

Moza R5: test e recensione

Moza R5: test e recensione

Moza R5Avantages Base Direct Drive développant 5.5 nm Caisson entièrement en aluminium Format compact Très bonnes...

Moza R12 : Test e recensione

Moza R12 : Test e recensione

Moza R12Avantages Excellente qualité de fabrication Très bonne sensation de conduite Software complet Plus à l’aise...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

BUNDLE FANATEC SOTTO I 400 EURO
This is default text for notification bar